Una ricerca conferma: Vision Zero funziona. Risparmiati 90 milioni di dollari in cure

Secondo uno studio pubblicato su The American Journal of Public Health, c’è stata una riduzione del 30 percento delle lesioni da traffico dal 2014 al 2019, i primi cinque anni di Vision Zero a New York.

Vision Zero è un insieme di iniziative volte a ridurre gli incidenti e, soprattutto, le vittime nelle strade. Introdotto in Svezia nel 1997, il progetto si è poi espanso anche in altri Paesi europei come la Svizzera ed il Regno Unito. A New York è strato introdotto dall’ex sindaco Bill de Blasio ormai un decennio fa. Elementi chiave di Vision Zero sono la riduzione del limite di velocità da 30 a 25 mph e l’introduzione di autovelox e telecamere ai semafori per scoraggiare i comportamenti pericolosi degli automobilisti con le multe.

La ricerca ha concluso che Vision Zero ha fatto più che ridurre gli incidenti: ha risparmiato più di 90 milioni di dollari in rimborsi per il trattamento delle lesioni da incidenti a Medicaid, il più grande e importante fondo gratuito statunitense per la cura di individui a basso reddito, ed ha evidenziato che i newyorchesi di questa fascia hanno subito meno danni da incidenti che coinvolgono automobili, biciclette, motociclette e pedoni. La più netta diminuzione delle lesioni è stata registrata tra la comunità afroamericana.

Gli autori dello studio hanno affermato che le loro scoperte hanno implicazioni che vanno oltre New York, in quanto anche altre città hanno introdotto regolamenti simili a Vision Zero negli anni successivi. Una delle principali domande degli studiosi era se Vision Zero avrebbe avuto effetto solo su incidenti di poco conto come semplici tamponamenti, ma i dati indicano invece il contrario.

Lo studio, basato sui primi cinque anni di Vision Zero, ha messo a confronto i trattamenti prescritti e la spesa elargita da Madicaid a New York con casi simili sempre coperti dal fondo ma in altre zone circostanti dove non sono state introdotte modifiche al codice della strada. La ricerca aha calcolato che la spesa di Madicaid si è aggirata attorno ai 671 milioni di dollari nel periodo che va tra il 2014 ed il 2018, a fronte di una proiezioni di 762 milioni di dollari di spesa prevista.

Per quanto riguarda le lesioni dovute ad incidenti stradali, i dati parlano chiaro: nel 2013, a New York, si sono registrate 296 lesioni ogni 100.000 abitanti, a fronte di 286 lesioni nelle altre sei contee prese a confronto. Nel 2016, il secondo anno di Vision Zero, a New York si sono registrate 286 lesioni ogni 100.000 persone, a fronte di 367 nelle altre zone. In più, il Dipartimento dei Trasporti ha registrato nel 2023 il secondo minor numero di pedoni morti dal 1910, anno in cui si è iniziato a tenere traccia del dato, e questo nonostante le auto moderne siano più grandi, veloci, pesanti e generalmente più letali.

Il governo sta così valutando di ampliare Vision Zero con l’installazione di ulteriori telecamere lungo le strade di New York, anche a fronte di una riduzione del 73% di passaggi col rosso.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governos Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Deborah De Luca in concerto a Times Square

Oggi pomeriggio, l’iconica Times Square di New York è stata teatro di un evento straordinario: l’esclusivo pop-up organizzato dalla star del techno italiano, Deborah De Luca, per celebrare l’uscita del suo terzo album in studio, “Hard Pop.” Dalle 17:00 alle

Leggi Tutto »

Riapre il portale tra New York e Dublino

Il Portale che collega il centro di Dublino e il quartiere Flatiron di Manhattan è tornato in funzione domenica pomeriggio, dopo essere stato sospeso il 14 maggio per i comportamenti inappropriati dei visitatori dell’installazione. Quest’opera, che trasmette in diretta video

Leggi Tutto »
Scroll to Top