L’aiuto ai newyorkesi per contrastare le nuove regole di Airbnb

Una rigorosa repressione degli affitti Airbnb a New York City il mese scorso ha causato la scomparsa notturna di migliaia di proprietà in affitto dalla piattaforma. In risposta alle conseguenze di questa legislazione, stanno emergendo nuove app e soluzioni, tra cui Kiki Club.

La repressione di Airbnb è stata avviata per far rispettare una nuova regola che richiedeva a tutti gli affitti a breve termine di registrarsi presso l’Ufficio Speciale per l’Applicazione delle Leggi del Sindaco, al fine di garantire che le piattaforme di prenotazione elaborino le transazioni.

Questa misura è stata introdotta con la Legge Locale 18, apparentemente per affrontare l’imminente crisi abitativa di New York City. Tuttavia, come risultato, molti newyorkesi che contavano sui loro spazi Airbnb per guadagnare un reddito si sono trovati senza questa fonte di entrata economica.

Kiki Club, una piattaforma di subaffitto su invito, è emersa come risposta alle sfide poste da questa legislazione. Lanciata da Toby Thomas-Smith, un giovane di 23 anni, l’app ha debuttato originariamente a Bondi, Sydney, Australia, dove ha riempito con successo 1.500 case prima di espandersi nel mercato di New York.

Per unirsi all’app, i nuovi membri devono essere referenziati da un inserzionista attivo o da un affittuario. In appena un mese dalla sua espansione negli Stati Uniti, migliaia di affittuari di New York City si sono iscritti alla lista d’attesa. Toby Thomas-Smith, co-fondatore e CEO di Kiki Club, ha spiegato: “Prima di Kiki Club, le persone si affidavano alle loro limitate reti sociali, pubblicando il proprio spazio o camera in affitto sulle storie di Instagram nella speranza di trovare qualcuno conosciuto che coprisse l’affitto mentre erano assenti. Essere parte di Kiki Club concede ai membri l’accesso a migliaia di amici di amici in cui possono fidarsi per prendersi cura del loro spazio mentre sono fuori città”.

L’esclusività di Kiki Club è la sua caratteristica principale, garantendo che i padroni di casa possano fidarsi dei loro ospiti, poiché ogni persona è referenziata da un utente credibile. Inoltre, l’app utilizza un sistema di abbinamento simile a quello di un’app per appuntamenti, collegando i membri con tratti personali e preferenze simili. Attualmente, l’app vanta un impressionante tasso di corrispondenza positiva del 95%.

In una città come New York, dove i residenti sono costantemente in movimento, trovare modi per risparmiare sui costi della casa mentre sono assenti è essenziale. Kiki Club affronta questa esigenza, avendo già risparmiato agli affittuari a Sydney un totale di 2,5 milioni di dollari in affitti. La piattaforma mira a stabilirsi come una soluzione sicura per il subaffitto a New York City, potenzialmente risparmiando agli affittuari centinaia di milioni di dollari all’anno.

Toby Thomas-Smith ha espresso il suo entusiasmo per il progetto, affermando: “Il concetto di Kiki Club è quello di mettere in contatto persone autentiche con case adatte alle loro esigenze di affitto a lungo termine. Questo aiuta le persone a far coprire l’affitto e a far annaffiare le piante da qualcuno di fidato mentre sono fuori casa, creando un’esperienza di affitto molto più piacevole rispetto a quella che hanno vissuto in passato. Siamo entusiasti di offrire questa opportunità ai newyorkesi e di espandere i nostri servizi ad altre grandi città in futuro”.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York sterilizzerà tre milioni di topi

La città che non dorme mai ha un problema che persiste da decenni: i ratti. New York, con la sua popolazione di circa 3 milioni di roditori, sta cercando una soluzione al persistente problema delle infestazioni di topi che affligge

Leggi Tutto »

New York più vicina al suo primo stadio di calcio

Il consiglio comunale di New York ha dato l’approvazione ufficiale per l’istruzione della seconda fase propedeutica alla costruzione del primo stadio di calcio della città, un progetto che potrebbe trasformare il paesaggio urbano e la vita dei residenti del Queens,

Leggi Tutto »
Scroll to Top