Carla Markell | © Foto di Elisa Morris

Abbracciando l’Italia attraverso le parole di Carla Markell

Da quando suo marito, l’ex governatore del Delaware Jack Markell, è stato nominato Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia e San Marino nell’agosto 2023 dal Presidente Biden, Carla Markell sta approfondendo giorno dopo giorno il suo legame con il “Bel Paese”. Come chiunque trascorra 5 minuti con lei in una stanza potrebbe facilmente notare, è una donna molto determinata ed energica che non potrebbe mai trascorrere il suo tempo senza fare nulla. Infatti, la signora Markell sta già lavorando alla sua attività di promozione dell’empowerment delle donne e dell’arte. Ci ha parlato maggiormente del suo impegno, descrivendo le sue percezioni sull’Italia e sul Sogno Americano, ma anche condividendo ricordi del suo percorso al fianco di una figura pubblica importante come Jack Markell.

Signora Markell, cominciamo dal suo rapporto con l’Italia e gli italiani. C’è qualcosa che la colpisce particolarmente ora che vive a Roma?

Ho notato che il popolo italiano nel suo complesso è molto sensoriale e attento. Notano tutto, apprezzano il cibo, il vino, le arti. Quando sono venuta la prima volta nel 2008 con i miei figli adolescenti, ho visto il Colosseo e molti meravigliosi edifici al punto che non mi è venuto in mente di andare in un museo: ero circondata da rovine antiche ovunque mi girassi. Ora che vivo qui, faccio molte passeggiate e ho imparato a conoscere bene la città. Sto imparando sempre di più sull’arte rinascimentale, barocca, sulle storie delle famiglie aristocratiche come i Borghese e i Colonna. Ho incontrato autori che hanno scritto sull’era rinascimentale e continuo a elaborare come si incastrano insieme i vari strati di Roma: storia, arte, cultura e lingua. Mi sento in un mondo di opportunità in cui ho appena iniziato a graffiare la superficie. È semplicemente straordinario.

Come è cambiata la sua idea dell’Italia nel tempo, dal prima della sua prima visita fino ai giorni che sta trascorrendo nel “Vecchio Continente”?

Prima, l’Italia era solo una visione, non sapevo cosa aspettarmi. Avevo visto solo foto che sembravano bellissime. Quando sono venuta nel 2008 con i miei figli, siamo stati qui tre settimane con un meraviglioso itinerario, soggiornando tra Roma, Montalcino, Firenze, Venezia, Cinque Terre, Milano, sul Lago di Como e nel Chianti. Puoi immaginare come le esperienze di vita reale abbiano superato qualsiasi aspettativa. Ho cominciato a capire il cuore e lo stile di vita italiano e ho amato il modo in cui prendevano il loro tempo per i pasti, per la gentilezza, per le conversazioni piacevoli. I miei figli, che avevano tredici e quindici anni all’epoca, mi hanno entrambi detto: “Cosa possiamo fare per portare questo stile di vita a casa nostra?”, intendendo la capacità di rallentare le cose. Gli americani tendono a vivere a un ritmo piuttosto veloce. Lo stile di vita più rilassato e il ritmo italiano sono ancoranti. Le persone sono calorose e meravigliose. Le tradizioni legate al cibo, al vino e alle festività sono ricche. Abbiamo un team fantastico qui alla residenza dell’ambasciatore, Villa Taverna. Riconoscendo e rispettando quell’importanza, volevamo che gli impiegati fossero con le loro famiglie la vigilia e il giorno di Natale, quindi abbiamo dato loro quei giorni liberi così che potessero essere tutti con le loro famiglie. Noi americani ovviamente amiamo e celebriamo i momenti in famiglia, ma a volte, con grandi distanze, è difficile essere insieme così spesso. L’Italia sembra accessibile: puoi essere ovunque nel paese con un volo rapido, un viaggio in treno o anche un viaggio in auto di 7 ore.

Da sinistra a destra: Alma Laias (Senior Advisor della Camera di Commercio americana in Italia e rappresentante del NIAF), Carla Markell e Davide Ippolito (founder de IlNewyorkese)

In Italia il Sogno Americano è vivo. Qual è la sua percezione personale di quel Sogno e della reputazione reciproca tra gli Stati Uniti e l’Italia?

Amo il mio paese. Siamo giovani rispetto all’Italia! Attualmente la nostra cultura è un po’ divisa ma in fondo credo che tutti vogliamo le stesse cose: un’ottima educazione per i nostri figli, vite familiari sane, esperienze ricche, strade e quartieri sicuri, diritti umani, un eccellente sistema giudiziario. Crediamo ancora nel Sogno Americano. Puoi lavorare sodo e costruire qualcosa di positivo per la tua famiglia. Per quanto riguarda l’Italia e gli Stati Uniti, abbiamo tra i 18 e i 20 milioni di americani che si identificano con l’eredità e la cultura italiana. Alcuni dei nostri amici vorrebbero ottenere la cittadinanza italiana doppia. 6 milioni di americani viaggiano in Italia ogni anno. Gli americani e gli italiani condividono un entusiasmo per la vita, un interesse per il cibo, la storia e la cultura. Abbiamo molto in comune e ci troviamo bene insieme. Siamo forti alleati.

In Italia, ha già mostrato il suo impegno per la causa dell’empowerment delle donne ospitando l’evento “Donne al comando”. Potrebbe dirci qualcosa a riguardo?

Le donne in tutto il mondo lottano per la parità di reddito e opportunità. Qualsiasi evento che possa mettere in luce tali questioni è importante e anche un modo per costruire partnership e reti. L’evento a Villa Taverna ha riunito donne italiane e americane impegnate in partnership tra Italia e Stati Uniti. È stato un onore per me e Jack accogliere così tante donne brillanti e talentuose provenienti da tutti i settori della vita italiana.

Quindi, che tipo di lavoro di advocacy possiamo aspettarci da lei come sposa dell’ambasciatore?

Ho intenzione di fare advocacy per le donne con il cancro al seno. Sono una sopravvissuta a doppio cancro al seno. Una delle precedenti consorti dell’ambasciatore, Linda Douglas, mi ha contattato dopo la nomina di Jack e mi ha parlato di un medico fantastico a Roma, il professor Massetti, che sta facendo molto per aiutare le donne con il cancro al seno. Anche il dottor Tavano dell’ambasciata è profondamente coinvolto nella causa quindi sembra un connubio naturale. Sono stata sostenitrice delle arti di ogni genere e sto iniziando a visitare musei, chiese e palazzi. Sono diventata molto amica di Francesca Cappelletti della Galleria Borghese! Sono anche profondamente appassionata di salute mentale e questioni di abuso di sostanze. Vengo da una famiglia che ha molti problemi di dipendenza e fortunatamente per me, quando avevo 17 anni, ho iniziato a frequentare consulenze e terapie familiari. Mia madre aveva una grave depressione. Era una madre single e in sostanza io ero il genitore per lei sin da giovane. Guardo indietro alla mia vita e mi rendo conto che tutte queste esperienze mi hanno reso chi sono e mi hanno dato strumenti che mi hanno aiutato nel mondo. Sto seguendo un corso online per imparare a essere un “coach di vita e leadership”. Sto imparando molto e non vedo l’ora di aiutare gli altri.

Ha già conservato qualche aneddoto o ricordo dalla sua casa in Italia?

Siamo arrivati qui alla fine di agosto e abbiamo notato che c’erano circa 8 gatti randagi nella proprietà che stavano lottando con alcuni problemi di salute! Volevo fare qualcosa per aiutarli. Forse è stata una sorta di intervento divino, perché alle 6 del mattino, io e mio marito stavamo facendo un tour inaugurale del Vaticano e ho incontrato una donna che indossava una maglietta con un gatto. Ho fatto amicizia e mi ha messo in contatto con il veterinario dello zoo accanto. Lui e sua moglie, biologa, avevano lavorato allo zoo per più di 25 anni. Sono venuti la settimana successiva per valutare la situazione. Poco dopo hanno fornito un servizio estremamente premuroso con catture e rilasci delicati e hanno proceduto a sverminare, vaccinare, sterilizzare e castrare ciascun gatto. Ora abbiamo questi bellissimi gatti sani e io e Jack stiamo comprando il cibo. Questi meravigliosi gatti ci divertono e divertono i nostri visitatori!

Picture of Davide Ippolito

Davide Ippolito

Davide Ippolito, nato a Napoli, vive a New York. è un esperto di Reputazione, editore e autore per Amazon Prime Video. Fondatore de ilNewyorkese e Reputation Review e Direttore scientifico dell’Italian American Reputation Lab, offre consulenza per organizzazioni come NIAF , Confindustria e Federmanager. È opinionista per La7 sulle tematiche che gravitano attorno alla Reputazione e agli Stati Uniti. Nel 2023 è uscito il libro “Against Stereotypes. The real Reputation of Italian American” e ha pubblicato 4 libri sulla Reputazione e due saggi distribuiti da Mondadori. Ha svolto incarichi di docenza per l’Università di Roma La Sapienza, Emory University di Atlanta e società di formazione manageriale.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governors Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »
Torna in alto