I Millennial ripudiano la vita notturna a New York

La scena notturna di New York è sempre stata sinonimo di divertimento fino all’alba, ma una nuova tendenza sta guadagnando terreno tra i giovani adulti, soprattutto i millennial. Questa tendenza, che si sta diffondendo rapidamente, vede i trentenni optare per serate più brevi e iniziano a diventare una presenza rilevante nel panorama della vita notturna della città.

Il DJ Mike Vosters è stato uno dei primi a intercettare questa tendenza emergente. Fondatore del Matinée Social Club, Vosters ha lanciato una serie di feste da ballo presso il Joyface, un cocktail bar nell’East Village. Questi eventi iniziano presto, alle 17:00, e finiscono entro le 22:00, consentendo ai partecipanti di godersi la vita notturna senza sacrificare il riposo.

Secondo Vosters, la sua idea è nata dalla constatazione che molti dei suoi amici desideravano socializzare senza dover restare fuori fino a tarda notte. Questa iniziativa, avviata nel settembre precedente, ha ottenuto un successo sorprendente, soprattutto dopo che un video virale ha portato una vasta visibilità al Matinée Social Club.

Questa tendenza non è limitata al Matinée Social Club. Piattaforme online come Eventbrite stanno iniziando a ospitare eventi pomeridiani, come il Bollywood Rave e il “Not a Rave”, che offrono esperienze di divertimento alternative in orari più accessibili.

L’interesse per questa nuova forma di vita notturna indica un cambiamento nelle preferenze dei consumatori, con i millennial che cercano una vita notturna più bilanciata che non comprometta il giorno successivo. Questo fenomeno potrebbe portare a una ridefinizione della vita notturna di New York, da sempre conosciuta come la “città che non dorme mai”.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York ha un problema con i clacson

Nel cuore di Manhattan il traffico mattutino scorre come una sinfonia dissonante di clacson e bip bip. New York, in fondo, è conosciuta per il suo rumore incessante, ma negli ultimi anni l’inquinamento acustico generato delle automobili sembra aver raggiunto

Leggi Tutto »
Scroll to Top