162 milioni di dollari per sostenere le industrie strategiche

Giovedì, l’amministrazione Biden ha reso noto l’intento di erogare sovvenzioni federali per un totale di 162 milioni di dollari alla Microchip Technology, un’azienda di semiconduttori con sede in Arizona che fornisce diversi settori, tra cui l’industria automobilistica e della difesa.

Questo annuncio rappresenta il secondo premio annunciato all’interno di un nuovo programma volto a garantire un approvvigionamento stabile di semiconduttori per le aziende statunitensi che ne dipendono. Il mese scorso, l’amministrazione Biden aveva annunciato una sovvenzione di 35 milioni di dollari a BAE Systems, un appaltatore della difesa.

L’investimento consentirà a Microchip di aumentare la produzione di semiconduttori utilizzati in svariati settori, tra cui automobili, aeromobili, elettrodomestici, dispositivi medici e prodotti militari. L’amministrazione prevede che questa iniziativa creerà oltre 700 opportunità di lavoro nei settori edile e manifatturiero.

Il ministro del Commercio, Gina M. Raimondo, ha commentato che l’annuncio è un passo significativo per rafforzare la catena di approvvigionamento dei semiconduttori, essenziali in una vasta gamma di prodotti, dalla lavatrice al razzo.

Microchip utilizzerà parte del finanziamento per modernizzare ed espandere una struttura a Colorado Springs e per ampliare un’altra a Gresham, Oregon. Questo contributo consentirà all’azienda di triplicare la produzione nei due siti, riducendo al contempo la dipendenza da strutture estere.

Sebbene i chip di Microchip non siano all’avanguardia, sono componenti cruciali per numerosi programmi militari e spaziali. L’azienda è un importante fornitore di semiconduttori per la difesa e svolge un ruolo fondamentale in settori cruciali per l’economia nazionale. La carenza globale di chip durante la pandemia ha evidenziato l’importanza di fornitori nazionali come Microchip, mentre le fabbriche estere chiudevano per contenere il virus, causando un aumento della domanda per i suoi prodotti.

Questa carenza ha anche spinto i legislatori a preparare un disegno di legge di finanziamento per sostenere la produzione americana e ridurre la dipendenza dai chip stranieri. Il Chips and Science Act del 2022 ha concesso al Dipartimento del Commercio un finanziamento significativo per investire nell’industria dei semiconduttori, con l’obiettivo di incoraggiare la creazione di strutture negli Stati Uniti.

Microchip aveva precedentemente annunciato piani di espansione in Oregon e Colorado, ma i finanziamenti governativi contribuiranno a potenziare questi progetti, riportando più produzione negli Stati Uniti. I funzionari statunitensi stanno attenti agli investimenti cinesi nei semiconduttori meno avanzati, noti come chip legacy, che alimentano diverse tecnologie. Si prevede che il Dipartimento del Commercio avvierà un sondaggio per valutare il modo in cui le aziende statunitensi ottengono i vecchi chip e riducono i rischi di dipendenza dalla Cina.

L’accordo annunciato giovedì è al momento un accordo preliminare e non vincolante. Il Dipartimento del Commercio condurrà un’accurata analisi del progetto prima di definire i termini definitivi dell’assegnazione. Finora, il dipartimento ha ricevuto oltre 570 manifestazioni di interesse e più di 170 pre-domande, domande complete e piani concettuali da aziende e organizzazioni interessate ai finanziamenti.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governors Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Consulta “Sul terzo genere serve una legge”

ROMA (ITALPRESS) – La Corte costituzionale ha deciso le questioni di legittimità costituzionale promosse dal Tribunale di Bolzano in materia di rettificazione di attribuzione di sesso e ha dichiarato inammissibili le questioni sollevate nei confronti dell’art. 1 della legge n.

Leggi Tutto »
Torna in alto