Continua a crescere l’occupazione negli USA: 272mila nuovi posti di lavoro a maggio

Il settore dell'assistenza sanitaria ha continuato a trainare le assunzioni, rappresentando il 18,6% dei nuovi posti di lavoro aggiunti negli ultimi due anni e mezzo. Questo è dovuto all'invecchiamento della popolazione e all'aumento della copertura assicurativa grazie all'Affordable Care Act.

L’economia statunitense continua a crescere e l’ultimo rapporto sull’occupazione di maggio non fa eccezione. Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Lavoro, il mese scorso sono stati aggiunti 272.000 nuovi posti di lavoro, ben al di sopra delle aspettative degli economisti che prevedevano un rallentamento delle assunzioni. Questa crescita è superiore alla media mensile di 232.000 posti registrata negli ultimi dodici mesi, complicando il quadro di un’economia che molti pensavano si stesse stabilizzando su un ritmo più sostenibile.

L’aumento dei salari, cresciuti del 4,1% rispetto all’anno precedente, rappresenta un segnale preoccupante per la Federal Reserve, che si riunirà la prossima settimana e di nuovo a luglio. Nonostante gli aumenti salariali siano generalmente positivi per i lavoratori, Beth Ann Bovino, capo economista per U.S. Bank, ha sottolineato come gli incrementi persistenti dei prezzi possano erodere il potere d’acquisto dei consumatori, impedendo una reale vittoria sull’inflazione. “Per coloro che pensavano di vedere un taglio dei tassi a luglio, quella porta è stata in gran parte chiusa,” ha dichiarato la Bovino.

Parallelamente all’annuncio del rapporto, i mercati azionari hanno subito un calo iniziale per poi recuperare la maggior parte delle perdite entro la fine della giornata. I rendimenti dei titoli di Stato, indicatori delle aspettative sui futuri movimenti dei tassi della Fed, sono aumentati notevolmente, mantenendosi elevati per tutto il giorno di negoziazione. Tuttavia, il quadro del mercato del lavoro non è del tutto chiaro: il tasso di disoccupazione è aumentato al 4%, il livello più alto da gennaio 2022, secondo un sondaggio sulle famiglie che ha mostrato una crescita occupazionale essenzialmente nulla nell’ultimo anno.

Il settore dell’assistenza sanitaria ha continuato a trainare le assunzioni, rappresentando il 18,6% dei nuovi posti di lavoro aggiunti negli ultimi due anni e mezzo. Questo è dovuto all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della copertura assicurativa grazie all’Affordable Care Act. Al contrario, il settore del tempo libero e dell’hospitality, gravemente colpito dai lockdown per il Covid-19, ha impiegato fino ad aprile per recuperare il livello occupazionale di febbraio 2020. Nonostante le previsioni di una stagione turistica estiva da record, pochi si aspettano che la crescita occupazionale in questo settore superi i numeri dell’anno scorso.

Infine, il mercato del lavoro ha beneficiato anche di un rimbalzo dell’immigrazione legale e di un afflusso di migranti con status temporaneo che hanno trovato lavoro grazie a permessi accelerati. Questo effetto potrebbe però diminuire con l’entrata in vigore dell’ordine esecutivo del presidente Biden che limita i richiedenti asilo al confine meridionale. Un segnale positivo arriva dalla partecipazione al lavoro degli adulti tra i 25 e i 54 anni, che ha raggiunto l’83,6%, il livello più alto dal 2002. Questo aumento è stato guidato dalle donne, che a maggio hanno raggiunto il loro tasso di partecipazione più alto mai registrato. Tuttavia, la partecipazione dei giovani adulti e dei lavoratori oltre i 55 anni rimane un’area di preoccupazione.

Il presidente Biden ha scelto di concentrarsi sul lato positivo del rapporto, sottolineando che sotto la sua amministrazione 15,6 milioni di americani in più hanno trovato lavoro. Tuttavia, ha anche riconosciuto le preoccupazioni per l’inflazione persistente, sottolineando i suoi sforzi per ridurre i prezzi. Il percorso del mercato del lavoro nei prossimi mesi avrà profonde implicazioni per le prossime elezioni, e mentre la maggior parte dei previsori vede una crescita in calo, la probabilità di una recessione completa rimane bassa, a meno di eventi esterni imprevisti. “Potremmo essere proprio dove vorremmo essere, a un equilibrio stabile,” ha detto Brad Hershbein dell’Upjohn Institute, “con l’inflazione in calo e una crescita occupazionale mensile tra i 150.000 e i 175.000 posti di lavoro.”

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governors Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Due ragazzi sono dispersi nelle acque del Queens

Venerdì sera, a Jacob Riis Park nel Queens, due ragazzi adolescenti sono stati segnalati dispersi nelle acque agitate della costa. La serata, segnata da temperature elevate che hanno spinto molti a riversarsi sulle spiagge, si è trasformata in un’operazione di

Leggi Tutto »
Scroll to Top