Screenshot

Perché il 2 giugno è la Festa della Repubblica?

Oggi 2 giugno 2024 la Repubblica Italiana compie 78 anni. Tra il 2 e il 3 giugno del 1946 gli italiani vennero chiamati alle urne per decidere quale forma di Stato – monarchia o repubblica – dare al Paese, attraverso un referendum.

Un referendum storico per due motivi: è stata la prima votazione a suffragio universale in Italia, alla quale parteciparono per la prima volta anche le donne e per il risultato del voto che, dopo 85 anni di monarchia, sancì la nascita della Repubblica italiana.

I risultati del referendum del 10 giugno 1946 furono comunicati in serata, ma la proclamazione della Repubblica fu posticipata al 18 giugno a causa delle proteste per la minima differenza di voti tra repubblica e monarchia. Il 18 giugno, la Corte di Cassazione confermò la vittoria della Repubblica.

Per celebrare questo evento, è stata istituita la Festa della Repubblica, che si tiene ogni anno il 2 giugno.

Lo stesso giorno si è votato anche per i membri dell’Assemblea Costituente, incaricata di redigere la Costituzione italiana.

Ecco alcune curiosità interessanti: l’89% degli aventi diritto votò al Referendum con il 54,3% a favore della Repubblica e il 45,7% per la monarchia. Nel nord prevalse la Repubblica, mentre nel sud la monarchia.

Il 2 giugno si festeggia la nascita della Repubblica con una grande manifestazione a Roma, che include la deposizione di una corona d’alloro al Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica e una parata militare lungo via dei Fori Imperiali.

La prima celebrazione della Festa della Repubblica si è tenuta il 2 giugno 1947, mentre la prima parata militare si è svolta nel 1948. Il 2 giugno fu dichiarato festa nazionale nel 1949.

Nel 1961, la principale celebrazione si tenne a Torino, la prima capitale dell’Italia unita. Nel 1977, a causa della crisi economica, la Festa della Repubblica è stata spostata alla prima domenica di giugno, sopprimendo il 2 giugno come giorno festivo.

Dal 2001, grazie all’iniziativa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, il 2 giugno è tornato ad essere una festa nazionale.

La parata militare del 2 giugno a Roma è stata introdotta nel 1950. Nel 1976 non si è tenuta a causa del terremoto del Friuli e nel 1977, durante l’austerity, è stata sospesa per risparmiare. È stata reintrodotta nel 1983, ma durante gli anni della pandemia, nel 2020 e 2021, non si è svolta. Dal 2022, la parata è ripresa regolarmente. Nel 2020, la celebrazione e il discorso del Presidente Sergio Mattarella si sono tenuti a Codogno, primo focolaio della pandemia in Italia.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governors Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Pichetto firma il decreto per le imprese energivore

ROMA (ITALPRESS) – Il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, ha firmato il decreto Energy Release, il provvedimento che stabilisce un prezzo calmierato dell’energia elettrica come misura a supporto delle imprese energivore che realizzano nuova capacità di generazione

Leggi Tutto »
Torna in alto