Il progetto “Artist-in-Residence” entra negli ospedali di New York City

L’arte entra inaspettatamente nelle corsie degli ospedali di New York City attraverso un progetto innovativo denominato “Artist-in-Residence“, promosso da NYC Health + Hospitals. Quest’iniziativa, gestita dal dipartimento Arts-in-Medicine in collaborazione con The Creative Center, mira a portare sollievo e conforto sia ai pazienti che al personale sanitario attraverso l’espressione artistica.

L’obiettivo primario del programma, che quest’anno si espande includendo il personale sanitario, è quello di alleviare lo stress e l’affaticamento emotivo provocato dalla pandemia di COVID-19, fornendo un supporto tangibile a coloro che hanno lavorato instancabilmente in prima linea per salvare vite umane.

Cinque artisti sono stati selezionati per prendere parte a questa nuova edizione del progetto “Artist-in-Residence”: Wilhelmina Grant-Cooper, Cibele Vieira, Livia Ihinosen Ohihoin, Carla Torres, Nikki Schiro. Ogni artista avrà l’opportunità di utilizzare la propria disciplina artistica, che spazia dalla pittura alla scultura e alla scrittura, per creare un ambiente più accogliente e stimolante all’interno delle strutture sanitarie coinvolte nel programma.

Laurie Tisch, fondatrice e presidente del Laurie M. Tisch Illumination Fund, che ha generosamente sovvenzionato il progetto, ha sottolineato l’importanza di incorporare le arti nella cultura ospedaliera, affermando che questa espansione del programma al personale sanitario contribuirà a migliorare il loro benessere e la loro resilienza.

NYC Health + Hospitals, che da tempo dimostra un profondo impegno nell’integrazione dell’arte nel contesto sanitario, vanta una vasta collezione di oltre 7.000 opere d’arte, che includono murales storici commissionati attraverso la Works Progress Administration e opere di artisti contemporanei e del passato.

Attraverso la realizzazione di nuove opere d’arte e la collaborazione con artisti professionisti emergenti e affermati, l’ente cerca di promuovere un ambiente curativo e accessibile alle arti per i suoi dipendenti e i suoi pazienti.

Larissa Trinder, Assistant Vice President of Arts in Medicine di NYC Health + Hospitals, ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa, affermando che diversi studi hanno dimostrato i benefici dell’integrazione degli artisti nelle strutture sanitarie, offrendo a pazienti, familiari e operatori sanitari la possibilità di trovare conforto e gioia attraverso l’arte.

Attraverso la diversità di linguaggi artistici proposti dai talentuosi artisti coinvolti nel progetto “Artist-in-Residence”, NYC Health + Hospitals si impegna a rendere questa esperienza accessibile a tutti, riconoscendo il potere trasformativo dell’arte nel promuovere la guarigione e il benessere emotivo.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governors Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

La Pennsylvania elettorale, oltre l’attentato a Trump

Quanto successo in Pennsylvania ha sicuramente scosso l’America e, soprattutto, l’elettorato. Ma andando oltre la mera e superficiale analisi del fatto, l’attentato all’ex Presidente e attuale candidato repubblicano, Donald Trump, ha fatto luce anche e soprattutto su uno Stato dove

Leggi Tutto »
Torna in alto