Auguri a Patience e Fortitude: i leoni di marmo che custodiscono la storia di New York

L’11 maggio del 1911, due magnifici leoni di marmo prendevano posto davanti all’imponente edificio Beaux-Arts situato al crocevia tra la Quinta Avenue e la 42esima strada a Manhattan, destinati a diventare icone mondiali: Patience e Fortitude. Questi guardiani silenziosi sono i simboli viventi delle qualità che il sindaco di origini italiane Fiorello La Guardia riteneva essenziali per i newyorkesi durante la Grande Depressione: la pazienza e la fortezza.

Realizzati dagli scultori Edward Clark Potter e dai Fratelli Piccirilli (anche loro italiani), i leoni furono commissionati per un costo di 5.000 dollari, una cifra che oggi suona quasi simbolica considerando il loro valore iconico. Nonostante le prime reazioni miste – persino l’ex presidente Teddy Roosevelt esprimeva preferenze per i bisonti, considerati più rappresentativi del Nord America – Patience e Fortitude si sono affermati come custodi amati e rispettati della Biblioteca Pubblica di New York.

La storia di questi leoni è costellata di aneddoti affascinanti. Originariamente conosciuti come Leo Astor e Leo Lenox, in onore dei cofondatori della biblioteca, i leoni sono stati ribattezzati nel corso degli anni con vari nomi, tra cui “Lady” Astor e Lord Lenox, nonostante entrambi i leoni siano maschi. Alcuni suggerirono persino che dei castori dovessero fiancheggiare l’edificio in omaggio a John Astor, il cui patrimonio familiare derivava dal commercio delle pellicce di castoro.

Le dimensioni di Patience e Fortitude sono impressionanti: ognuno si estende per oltre 11 piedi, circa tre piedi in più rispetto ai loro omologhi reali. Posizionati sui loro piedistalli pochi giorni prima dell’apertura della biblioteca sulla 42esima strada, i leoni hanno osservato il cambiamento del mondo attorno a loro, testimoniando la storia di una città che non dorme mai.

La loro presenza è diventata un simbolo di ispirazione e forza, riflettendo ciò che la biblioteca rappresenta per la comunità: un luogo di rifugio, conoscenza e resilienza. Mentre New York si è evoluta, Patience e Fortitude sono rimasti immutati, offrendo conforto e stabilità a milioni di visitatori e cittadini che li hanno ammirati nel corso degli anni.

Oggi, nel celebrare il loro compleanno celebriamo il continuo impegno di una città che, nonostante le sfide, rimane resiliente e inarrestabile. Patience e Fortitude non sono semplicemente sculture; sono testimoni viventi dell’indomito spirito di New York.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governos Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Deborah De Luca in concerto a Times Square

Oggi pomeriggio, l’iconica Times Square di New York è stata teatro di un evento straordinario: l’esclusivo pop-up organizzato dalla star del techno italiano, Deborah De Luca, per celebrare l’uscita del suo terzo album in studio, “Hard Pop.” Dalle 17:00 alle

Leggi Tutto »

Riapre il portale tra New York e Dublino

Il Portale che collega il centro di Dublino e il quartiere Flatiron di Manhattan è tornato in funzione domenica pomeriggio, dopo essere stato sospeso il 14 maggio per i comportamenti inappropriati dei visitatori dell’installazione. Quest’opera, che trasmette in diretta video

Leggi Tutto »
Scroll to Top