Stati Uniti contro TikTok, passa una legge alla camera. Ma l’app non scomparirà

Sabato, il Congresso ha approvato una legge che bandirebbe TikTok negli Stati Uniti se il proprietario dell’app, con sede in Cina, non venderà la sua quota entro un anno. Questo non vuol dire però che l’applicazione scomparirà.

La decisione dei Repubblicani alla Camera di includere TikTok in un più ampio pacchetto di aiuti esteri, una priorità per il Presidente Joe Biden con un ampio sostegno congressuale per l’Ucraina e Israele, ha accelerato il divieto dopo che una versione precedente era stata bloccata al Senato. Un disegno di legge autonomo con una scadenza di vendita più breve, sei mesi, è stato approvato dalla Camera a marzo con un voto bipartisan schiacciante, dato che sia i Democratici che i Repubblicani hanno espresso preoccupazioni per la sicurezza nazionale riguardo al proprietario dell’app, la società tecnologica cinese ByteDance Ltd.

La misura modificata, approvata con 360 voti favorevoli e 58 contrari, passa ora al Senato dopo negoziati che hanno esteso il termine per la vendita a nove mesi, con ulteriori tre mesi possibili se la vendita è in corso.

Le sfide legali potrebbero allungare ulteriormente questo lasso di tempo. L’azienda ha indicato che probabilmente ricorrerà in giudizio per cercare di bloccare la legge se dovesse passare, sostenendo che priverebbe i milioni di utenti dell’app dei loro diritti della Prima Emendamento. TikTok ha fatto una forte pressione contro la legislazione, incoraggiando i suoi 170 milioni di utenti statunitensi — molti dei quali giovani — a contattare il Congresso ed esprimere la loro opposizione. Tuttavia, la ferocia del contraccolpo ha irritato i legislatori a Capitol Hill, dove c’è una vasta preoccupazione per le minacce cinesi agli Stati Uniti e dove pochi membri utilizzano la piattaforma personalmente.

Non smetteremo di combattere e di difendere i vostri interessi,” ha detto il CEO di TikTok, Shou Zi Chew, in un video pubblicato sulla piattaforma il mese scorso e diretto agli utenti dell’app. “Continueremo a fare tutto il possibile, inclusi l’esercizio dei nostri diritti legali, per proteggere questa incredibile piattaforma che abbiamo costruito con voi.” Il rapido percorso del disegno di legge attraverso il Congresso è straordinario perché prende di mira un’azienda specifica e perché il Congresso ha adottato un approccio di non intervento alla regolamentazione tecnologica per decenni. I legislatori non sono riusciti ad agire nonostante gli sforzi per proteggere i bambini online, salvaguardare la privacy degli utenti e rendere le aziende più responsabili per i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme, tra le altre misure. Ma il divieto di TikTok riflette preoccupazioni diffuse dei legislatori riguardo alla Cina.

Membri di entrambi i partiti, insieme a funzionari dell’intelligence, hanno espresso preoccupazioni che le autorità cinesi potrebbero costringere ByteDance a consegnare i dati degli utenti americani o dirigere l’azienda a sopprimere o potenziare i contenuti di TikTok favorevoli ai suoi interessi. TikTok ha negato le affermazioni secondo cui potrebbe essere utilizzato come strumento del governo cinese e ha affermato di non aver condiviso i dati degli utenti statunitensi con le autorità cinesi.

Il governo degli Stati Uniti non ha fornito pubblicamente prove che mostrino che TikTok ha condiviso i dati degli utenti statunitensi con il governo cinese o manipolato l’algoritmo popolare dell’azienda, che influisce su ciò che vedono gli americani.

L’azienda ha buone ragioni per pensare che una sfida legale potrebbe avere successo, avendo visto alcuni successi in precedenti battaglie legali sulle sue operazioni negli Stati Uniti. A novembre, un giudice federale ha bloccato una legge del Montana che avrebbe vietato l’uso di TikTok in tutto lo stato dopo che l’azienda e cinque creatori di contenuti che utilizzano la piattaforma hanno fatto causa.

Nel 2020, i tribunali federali hanno bloccato un ordine esecutivo emesso dall’allora presidente Donald Trump per vietare TikTok dopo che l’azienda ha fatto causa sostenendo che l’ordine violava i diritti alla libera espressione e al giusto processo. La sua amministrazione aveva mediato un accordo che avrebbe visto le corporazioni statunitensi Oracle e Walmart acquisire una grande quota in TikTok. La vendita non è mai andata a buon fine per una serie di motivi; uno era la Cina, che ha imposto controlli all’esportazione più severi ai suoi fornitori di tecnologia.

Dozzine di stati e il governo federale hanno messo in atto divieti di TikTok su dispositivi governativi. Il divieto del Texas è stato contestato l’anno scorso dal Knight First Amendment Institute presso la Columbia University, che ha sostenuto in una causa che la politica ostacolava la libertà accademica perché si estendeva alle università pubbliche. A dicembre, un giudice federale ha dato ragione allo stato.

Da metà marzo, TikTok ha speso 5 milioni di dollari in spot televisivi contro la legislazione, secondo AdImpact, una società di monitoraggio pubblicitario. Gli spot hanno incluso una gamma di creatori di contenuti, tra cui una suora, che elogiano gli impatti positivi della piattaforma sulle loro vite e sostengono che un divieto calpesterebbe la Prima Emendamento. L’azienda ha anche incoraggiato i suoi utenti a contattare il Congresso, e alcuni legislatori hanno ricevuto chiamate piene di insulti.

È assurdo che la Camera stia utilizzando il pretesto di importanti assistenze estere e umanitarie per forzare ancora una volta un disegno di legge che calpesta i diritti alla libera espressione di 170 milioni di americani, devasterebbe 7 milioni di aziende e chiuderebbe una piattaforma che contribuisce con 24 miliardi di dollari all’economia statunitense, annualmente,” ha detto Alex Haurek, un portavoce dell’azienda.

Il rappresentante della California, Ro Khanna, un democratico, ha votato contro la legislazione. Ha detto che pensa ci sarebbero potuti essere modi meno restrittivi per affrontare l’azienda che non avrebbero portato a un divieto totale o minacciato la libertà di parola.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governos Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Noemi Bolzi per la prima volta a New York

La poliedrica artista italiana Noemi Bolzi è pronta a conquistare il cuore pulsante della creatività e dell’innovazione artistica americana. Dal 31 maggio al 7 giugno 2024, parteciperà infatti all’Expo Internazionale “New York Art Symposium 2024” nell’eclettico Centro Usagi di DUMBO (Down Under the Manhattan Bridge Overpass), dove

Leggi Tutto »
Scroll to Top