Due poliziotti sono stati uccisi in uno scontro a fuoco a Liverpool, New York

Nella tranquilla serata di domenica, una normale operazione di polizia si è trasformata in tragedia quando due agenti sono stati uccisi in un agguato a Liverpool, una cittadina nei sobborghi di Salina, nello stato di New York. Secondo le autorità, tutto è iniziato quando agenti del Dipartimento di Polizia di Syracuse hanno tentato di fermare un veicolo intorno alle 19 di domenica sera.

Il conducente ha cercato di fuggire ma, grazie alla targa del veicolo, gli agenti sono riusciti a rintracciarlo fino a una casa nella cittadina di Liverpool. A quel punto, temendo che il conducente potesse essere armato, hanno chiesto rinforzi ed è intervenuto anche il vice dello sceriffo della Contea di Onondaga. Il capo del Dipartimento di Polizia di Syracuse, Joseph L. Cecile, ha dichiarato ai giornalisti in una conferenza stampa che gli agenti hanno trovato il veicolo parcheggiato davanti alla casa, con munizioni visibili all’interno.

Il vice dello sceriffo si è avvicinato alla casa dal retro, mentre due agenti di polizia si sono avvicinati dall’altro lato. È stato in quel momento che hanno sentito dei rumori che sembravano provenire da qualcuno che maneggiava un’arma da fuoco all’interno della casa, prima che partissero gli spari. Il vice dello sceriffo, insieme a uno degli agenti di Syracuse, sono stati colpiti. Gli agenti hanno risposto al fuoco, colpendo il presunto aggressore, identificato come Christopher Murphy, 33 anni.

Sia Murphy che gli agenti sono stati successivamente dichiarati deceduti in un ospedale vicino. Al momento, i due agenti non sono stati identificati pubblicamente. Secondo il procuratore distrettuale della Contea di Onondaga, William J. Fitzpatrick, Murphy non aveva precedenti penali, tranne un arresto per guida in stato di ebbrezza 10 anni fa. Domenica sera, mentre gli agenti arrivavano, si trovava in casa con un amico, consumando cocaina. Murphy si è armato con qualche tipo di fucile d’assalto e ha esortato l’amico ad andarsene, secondo quanto riferito dall’amico stesso alla polizia.

Gli istanti che hanno preceduto le sparatorie sembravano ordinari. “Inseguiamo auto tutti i giorni”, ha dichiarato Tobias Shelley, sceriffo della Contea di Onondaga, domenica sera. Lo sceriffo Shelley ha assicurato che non c’era pericolo per la comunità e che le indagini sull’incidente erano in corso.

“È un giorno cupo per Syracuse”, ha detto il sindaco della città, Ben Walsh, durante la conferenza stampa. “Questo è il nostro peggior incubo diventato realtà”.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governos Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Noemi Bolzi per la prima volta a New York

La poliedrica artista italiana Noemi Bolzi è pronta a conquistare il cuore pulsante della creatività e dell’innovazione artistica americana. Dal 31 maggio al 7 giugno 2024, parteciperà infatti all’Expo Internazionale “New York Art Symposium 2024” nell’eclettico Centro Usagi di DUMBO (Down Under the Manhattan Bridge Overpass), dove

Leggi Tutto »
Scroll to Top