Brooklyn Nets: una stagione deludente verso il capolinea, decisioni cruciali in vista

I proprietari dei Brooklyn Nets, con Joe Tsai in prima linea, si trovano in un momento di valutazione costante. È normale che chiunque gestisca una franchigia NBA dall’alto faccia regolari valutazioni della propria organizzazione. Squadre che perdono, che non accedono ai playoff e non mostrano segni di miglioramento, come i Nets, si trovano davanti a decisioni importanti in vista dell’off-season.

I Nets si trovavano a 31 vittorie e 48 sconfitte prima dell’ultima partita casalinga di ieri contro i Toronto Raptors, chiudendo una stagione deludente senza qualificarsi per i playoff o per i play-in; sono undicesimi nella Eastern Conference, composta da 15 squadre. La loro ultima partita si giocherà domenica in trasferta contro i Philadelphia 76ers.

Il futuro del GM Sean Marks e dell’allenatore ad interim Kevin Ollie è incerto. Tsai deve esaminare attentamente come portare avanti la franchigia e se Marks e Ollie rappresentino le migliori opzioni per i loro ruoli. La ricostruzione della rosa e lo sviluppo dei giocatori sono priorità. Da quando è diventato GM dei Nets nel febbraio del 2016, Marks non è riuscito a creare una squadra costantemente vincente. Nota di rilievo, l’esperimento con Kevin Durant, Kyrie Irving e James Harden è stato breve e fallimentare.

Ollie ha assunto il ruolo di capo allenatore quando Jacque Vaughn è stato esonerato lo scorso febbraio e, sebbene Tsai non abbia parlato pubblicamente delle sue intenzioni, è probabile che Ollie non sarà confermato, anche se non ha avuto abbastanza tempo per dimostrare il suo valore. Era al suo primo anno come assistente allenatore dei Nets prima di passare a capo allenatore ad interim. Ollie ha ottenuto un record di 10 vittorie e 15 sconfitte dopo la sconfitta umiliante di domenica per 107 a 77 contro i Sacramento Kings al Barclays Center, dove la squadra ha subito un distacco fino a 33 punti.

Uno dei pochi aspetti positivi per la squadra in questa stagione è stato Cam Thomas, guardia alta 6 piedi e 3 pollici, che ha guidato i Nets nel punteggio in sette partite consecutive fino all’ultima partita. Aveva una media di 22,2 punti a partita fino a domenica. Thomas, scelto dai Nets al primo turno del draft NBA del 2021 con la 27ª scelta assoluta proveniente da LSU, ha solo 22 anni.

Il rookie Noah Clowney, ala alta 6 piedi e 9 pollici presa con la 21ª scelta nel draft NBA della scorsa stagione, ha avuto le migliori due partite della sua giovane carriera segnando un record personale di 22 punti e catturando 10 rimbalzi nella vittoria per 115-111 contro gli Indiana Pacers il 3 aprile, seguita da 17 punti, 6 rimbalzi e 4 stoppate mentre Brooklyn rimontava uno svantaggio di 19 punti per sconfiggere i Detroit Pistons sabato, con il punteggio di 113-103.

“Prima di entrare, l’allenatore (Ollie) mi ha detto di ‘proteggere l’area sotto canestro’, quindi ho fatto proprio quello,” ha condiviso Clowney dopo la vittoria di sabato. “Per quanto riguarda l’attacco, penso di aver preso alcuni rimbalzi. Penso di aver fatto un taglio su uno, alcuni tiri liberi, un tiro da tre. Non ricordo esattamente i dettagli, ma ho cercato di giocare [e] di tirare nel flusso della partita, senza forzare nulla.”

I Brooklyn chiudono la stagione al Madison Square Garden contro i New York Knicks venerdì e contro i 76ers a Philadelphia domenica.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Ritorna il camping di lusso Governos Island

Se stai cercando una fuga perfetta dalla frenesia della città senza allontanarti troppo, Governors Island potrebbe essere la tua destinazione ideale. E se desideri trasformare questa breve fuga in un’esperienza indimenticabile, Collective Retreats è pronto ad accoglierti con le sue

Leggi Tutto »

Deborah De Luca in concerto a Times Square

Oggi pomeriggio, l’iconica Times Square di New York è stata teatro di un evento straordinario: l’esclusivo pop-up organizzato dalla star del techno italiano, Deborah De Luca, per celebrare l’uscita del suo terzo album in studio, “Hard Pop.” Dalle 17:00 alle

Leggi Tutto »

Riapre il portale tra New York e Dublino

Il Portale che collega il centro di Dublino e il quartiere Flatiron di Manhattan è tornato in funzione domenica pomeriggio, dopo essere stato sospeso il 14 maggio per i comportamenti inappropriati dei visitatori dell’installazione. Quest’opera, che trasmette in diretta video

Leggi Tutto »
Scroll to Top