Aumento delle morti tra i ciclisti a New York nel 2023: dati e trend di un fenomeno comunque in riduzione


Secondo i nuovi dati del Dipartimento dei Trasporti della città, il 2023 è stato l’anno più pericoloso per i ciclisti di New York dal 1999. La maggior parte dei 30 ciclisti morti l’anno scorso guidava biciclette elettriche, diffuse sulle strade della città negli ultimi anni: 23 persone sono morte mentre guidavano le biciclette elettriche, un nuovo record. Anche il numero di gravi lesioni è aumentato; 395 ciclisti sono stati gravemente feriti, 79 dei quali stavano guidando biciclette elettriche. Si tratta di circa 50 lesioni gravi in più rispetto all’anno precedente.

Nonostante questo aumento, i tassi di mortalità e lesioni gravi dei ciclisti sono in diminuzione da molti anni, suggerendo che guidare una bicicletta a New York è comunque più sicuro. Nel 2022, il tasso di morti e lesioni gravi era di circa 16 per 10 milioni di viaggi in bicicletta, in calo rispetto ai circa 34 per 10 milioni di viaggi del decennio prima. Secondo un’analisi del New York Times, in aggiunta, la maggior parte dei ciclisti che hanno perso la vita nel 2023 sono entrati in collisione con automobili in aree senza infrastrutture per le biciclette, indipendentemente dal tipo di bicicletta che stavano guidando.

L’aumento delle morti legate alle biciclette elettriche non sembra essere il risultato di un aumento dell’uso delle biciclette elettriche, almeno non interamente, secondo il Dipartimento dei Trasporti. E sebbene gli utenti di biciclette elettriche più visibili a New York possano essere i fattorini delle consegne e i rider di Citi Bike, la maggior parte delle persone morte sulle biciclette elettriche l’anno scorso non era né l’uno né l’altro. Solo un fattorino è morto in seguito a un incidente con una bicicletta elettrica, secondo il dipartimento, e quattro persone sono morte usando le biciclette elettriche di Citi Bike, secondo Lyft, che possiede il programma di condivisione delle biciclette.

Quasi un terzo dei ciclisti di biciclette elettriche morti, invece, si sono schiantati o sono caduti senza alcun intervento apparente da parte di un veicolo o di un pedone.Gli incidenti con le sole biciclette non sono un fenomeno nuovo, ma i sette ciclisti di biciclette elettriche morti in questo modo l’anno scorso rappresentano un aumento significativo rispetto agli anni precedenti ed il Dipartimento dei trasporti sta cercando modi per migliorare la sicurezza delle strade e tenere il passo con i rapidi cambiamenti che le biciclette elettriche hanno portato in città.

Secondo Sara Lind, direttore esecutivo di Open Plans, la velocità delle biciclette elettriche potrebbe essere un fattore, così come l’inesperienza del guidatore, sottolineando ancora di più la necessità di migliori infrastrutture per le sempre più persone che utilizzano le biciclette elettriche. Effettivamente, lo scorso novembre, il Dipartimento dei Trasporti e Lyft hanno annunciato un piano per ridurre la velocità massima delle biciclette elettriche di Citi Bike a 18 miglia all’ora (circa 29 chilometri all’ora), rispetto alle precedenti 20. Le biciclette elettriche, secondo la classificazione della città, sono tutte le biciclette alimentate a batteria che hanno pedali e una velocità di 25 miglia all’ora (circa 40 chilometri all’ora) o meno.

Tuttavia, lo scorso anno la città ha aggiunto 33 miglia (circa 52 chilometri) di corsie ciclabili protette, il maggior numero mai aggiunto in un anno, portando il totale a 689 miglia di corsie protette. Philip Miatkowski, direttore della ricerca e della politica presso Transportation Alternatives, un gruppo che difende i ciclisti e i pedoni, ha detto che solo circa il 3 percento delle strade della città ha corsie per biciclette e che la rete è troppo disconnessa, costringendo i ciclisti a reti stradale non protette per la maggior parte del tempo.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Il processo a Trump agita New York (il video)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua squadra si sono letteralmente trasferiti a New York. La città è blindata e davanti al tribunale sono presenti i giornalisti di tutto il mondo, decisamente più numerosi rispetto ai sostenitori

Leggi Tutto »
Scroll to Top