Freedom Plaza: casinò, piscina panoramica e grattacieli congiunti arricchiscono il paesaggio urbano

Midtown Manhattan si prepara a un’esplosione di innovazione e design con il progetto ambizioso del Bjarke Ingels Group (BIG) per Freedom Plaza, appena a sud della sede delle Nazioni Unite.

Questo mastodontico progetto urbanistico trasformerà Freedom Plaza in un parco pubblico su tre isolati, integrando spazi commerciali e un nuovo Museo della Libertà e della Democrazia. Ispirato all’architettura delle vicine Nazioni Unite, il parco si estenderà fino all’East River, collegando gli isolati urbani e offrendo un’oasi verde nel cuore della città.

Una coppia di grattacieli alti 615 piedi, collegati da un’imponente “skybridge” e completati da una piscina a sfioro sul tetto, diventeranno un’icona dello skyline cittadino. Queste torri non solo saranno capolavori architettonici, ma ospiteranno anche due hotel di lusso.

Inoltre, in attesa dell’approvazione della licenza, è prevista l’aggiunta di un casinò sotterraneo, per un ulteriore livello di intrattenimento e esclusività. Il progetto include anche due nuove torri residenziali, di 50 e 60 piani, che richiamano lo stile modernista degli anni ’50 e ’60.

Attualmente, il sito ospita l’installazione artistica “Field of Light” di Bruce Munro. Gli sviluppatori, guidati da Bjarke Ingels, intendono sfruttare i principi architettonici esistenti per creare una connessione verde fino al fiume.

Le torri dell’hotel accoglieranno il primo Banyan Tree a cinque stelle della città e un hotel gestito da Mohegan, un rinomato operatore di casinò. Il fiore all’occhiello sarà la piscina a sfioro sul tetto da 150.000 galloni, una delle più grandi del Nord America.

Michael Hershman, CEO del Gruppo Soloviev, il promotore immobiliare dietro il progetto, sottolinea l’impegno per il benessere del quartiere e della città.

Sebbene le date di apertura siano ancora soggette all’approvazione della licenza del casinò, si prevede che il completamento del progetto avvenga entro cinque-sette anni dalla costruzione. In caso di mancata concessione della licenza, il progetto procederà sulla base di un precedente piano approvato nel 2008.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York sterilizzerà tre milioni di topi

La città che non dorme mai ha un problema che persiste da decenni: i ratti. New York, con la sua popolazione di circa 3 milioni di roditori, sta cercando una soluzione al persistente problema delle infestazioni di topi che affligge

Leggi Tutto »

New York più vicina al suo primo stadio di calcio

Il consiglio comunale di New York ha dato l’approvazione ufficiale per l’istruzione della seconda fase propedeutica alla costruzione del primo stadio di calcio della città, un progetto che potrebbe trasformare il paesaggio urbano e la vita dei residenti del Queens,

Leggi Tutto »
Scroll to Top