Il giardino verticale a Brooklyn: cresce all’interno dell’ex zuccherificio Domino

La trasformazione dell’ex stabilimento della Domino Sugar Factory nel cuore di Williamsburg è un’opera di innovazione e sostenibilità. Mentre la nuova insegna replica l’originale con un’efficienza energetica rinnovata, il team di Domino Park sta portando la natura all’interno con un giardino verticale di 9 piani.

L’insegna, che brilla sul lungomare di Brooklyn, riprende le dimensioni esatte dell’originale, simboleggiando la storia di questo complesso del XIX secolo, un tempo il più grande produttore di zucchero del mondo. Dopo la chiusura della raffineria, l’edificio è stato trasformato in La Raffineria, un complesso multifunzionale con uffici, un club fitness Equinox e oltre 4.000 unità residenziali.

Tuttavia, la caratteristica più unica è il giardino verticale interno. Progettato dagli stessi creativi dietro i cerchi pandemici a Domino Park, l’installazione presenta 17 alberi alti 30 piedi, ognuno pesante 10.000 libbre. Posizionati “chirurgicamente” tra vecchi mattoni e nuovo vetro dal secondo al decimo piano, questi alberi viventi offrono una fusione unica di storia e natura.

Nathan Bartholomew, Direttore dell’Orticoltura presso Domino Park, ha lavorato diligentemente nella selezione delle piante, portando la sua esperienza dai Giardini Botanici degli Stati Uniti. Dave Lombino, CEO di Two Trees, la società dietro il progetto, mira a rendere gli spazi ufficio più attraenti con un design biofilo, portando la bellezza degli spazi aperti all’interno.

L’installazione del giardino verticale, unica nel suo genere simboleggia l’impegno verso un futuro sostenibile e ispirato dalla natura per questo iconico edificio di Brooklyn.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Il processo a Trump agita New York (il video)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua squadra si sono letteralmente trasferiti a New York. La città è blindata e davanti al tribunale sono presenti i giornalisti di tutto il mondo, decisamente più numerosi rispetto ai sostenitori

Leggi Tutto »
Scroll to Top