Ritorno in ufficio a New York: l’ascesa continua e tocca quasi il 70% dei livelli pre-pandemia

La ripresa della tendenza al ritorno in ufficio a New York ha guadagnato slancio, raggiungendo quasi il 70% del livello pre-pandemia a dicembre. Secondo il Real Estate Board di New York (REBNY), il tasso medio di visita in 350 edifici di Manhattan è salito al 67% del tasso del 2019.

Questo rappresenta un aumento rispetto al 65% registrato a novembre, e se si esclude la settimana tra Natale e Capodanno, il tasso sarebbe stato del 74%. L’analisi di REBNY si basa sui dati di localizzazione di Placer.ai, che monitora i dati mobili degli inquilini e dei dipendenti degli uffici.

Da quando l’organizzazione immobiliare ha iniziato a pubblicare i risultati all’inizio dello scorso anno, la percentuale di occupazione degli uffici rispetto al 2019 è costantemente aumentata. Gli edifici premium, denominati di Classe A+, hanno registrato una media del 74% di visite a dicembre, mentre le proprietà di Classe A, A-meno e B/C hanno registrato rispettivamente il 64% e il 68%.

Le tariffe di Midtown sono cresciute al 73%, Midtown South è rimasta stabile al 68%, mentre Downtown è scesa al 54%. Keith DeCoster, direttore dei dati di mercato e delle politiche di REBNY, ha dichiarato: “In un momento in cui le visite agli uffici sembrano essere in fase di stallo in alcune città, è incoraggiante vedere l’attività in costante ripresa in gran parte di Manhattan, anche se rimane ben al di sotto dei livelli del 2019″.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York ha un problema con i clacson

Nel cuore di Manhattan il traffico mattutino scorre come una sinfonia dissonante di clacson e bip bip. New York, in fondo, è conosciuta per il suo rumore incessante, ma negli ultimi anni l’inquinamento acustico generato delle automobili sembra aver raggiunto

Leggi Tutto »
Scroll to Top