Caterina Rago porta a New York la magia delle leggende calabresi con ‘Alta Marea’ al KNJ Theatre

La leggenda di Cilla, proveniente dalla pittoresca cittadina di mare di San Lucido in Calabria, prende vita a New York grazie alla maestria coreografica di Caterina Rago. Presentando “Alta Marea” al KNJ Theatre, Rago trasporta il pubblico in un viaggio emotivo tra le insenature della costa tirrenica, sottolineando la precarietà dei sentimenti e dei rapporti, per poi risalire come l’alta marea.

Il progetto, prodotto dalla CRDANCE Company, di cui Rago è fondatrice e direttrice artistica, rappresenta un tributo personale alla sua città natale. La leggenda racconta la tragica storia d’amore tra Cilla, figlia di un pescatore, e il marinaio Tuturo, che si perde in mare. Ispirata da una statua sulla costa calabrese, Rago ha creato una coreografia che cattura la drammaticità della storia, esplorando il senso di caduta e l’eterna lotta tra speranza e dolore.

Lo spettacolo, che andrà in scena il 27 gennaio alle 20 e il 28 gennaio alle 18, promette di coinvolgere gli spettatori in una narrazione avvincente e dinamica. La performance non solo interpreta la leggenda di Cilla e Tuturo ma introduce anche elementi inediti, come la rappresentazione della vecchiaia di Cilla mentre aspetta il suo amato.

Caterina Rago, oltre a dirigere le coreografie, si esibirà sul palco insieme a sette talentuosi ballerini che daranno vita ai personaggi chiave. Con uno stile che mescola la tradizione della danza moderna di Martha Graham con la sua dinamicità unica, Rago crea un’esperienza coinvolgente e intensa.

La coreografa, diplomata all’Accademia Nazionale di Danza di Roma e mentore di Elsa Piperno, ha trasferito il suo talento a New York nel 2007. Oltre a dirigere la CRDANCE, ha insegnato in rinomate istituzioni come il Peridance Capezio Dance Center, la Joffrey Ballet School e la Martha Graham School. La sua visione innovativa della danza moderna ha ricevuto riconoscimenti, inclusa la nomina come coreografa emergente per la MET Dance Company di Houston.

“Alta Marea” non solo rappresenta un nuovo capitolo nella carriera di Caterina Rago ma anche un ponte tra le magiche leggende calabresi e il pubblico americano, promuovendo la ricchezza delle tradizioni italiane attraverso il linguaggio universale della danza.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York ha un problema con i clacson

Nel cuore di Manhattan il traffico mattutino scorre come una sinfonia dissonante di clacson e bip bip. New York, in fondo, è conosciuta per il suo rumore incessante, ma negli ultimi anni l’inquinamento acustico generato delle automobili sembra aver raggiunto

Leggi Tutto »
Scroll to Top