Defiant Requiem: Il docufilm commemorativo della Giornata della Memoria

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria della Shoah, la Fondazione Italiana di Cultura presenta il docufilm “Defiant Requiem“. Il lungometraggio documentario mette in luce un esempio straordinario di coraggio intellettuale e artistico che ha avuto luogo nel campo di concentramento di Theresienstadt (Terezín) durante la Seconda Guerra Mondiale. La proiezione avrà luogo martedì 23 gennaio alle 19:00.

Il film racconta la straordinaria storia di Rafael Schächter, un brillante direttore d’orchestra ceco, arrestato nel 1941 e inviato a Terezín. In mezzo alle circostanze più brutali, Schächter dimostrò una leadership morale eccezionale, determinato a infondere coraggio e speranza ai compagni di prigionia attraverso la grande musica. La sua impresa più straordinaria fu quella di reclutare 150 prigionieri e insegnare loro il Requiem di Verdi a memoria, utilizzando un’unica partitura, in una fredda cantina, dopo giorni di lavori forzati.

Il Requiem fu eseguito in 16 occasioni per i compagni di prigionia, incluso un’ultima esibizione famigerata il 23 giugno 1944 davanti a ufficiali delle SS di Berlino e alla Croce Rossa Internazionale. Questa esibizione doveva sostenere la farsa secondo cui i prigionieri venivano trattati bene.

Il docufilm “Defiant Requiem” presenta testimonianze toccanti dei membri sopravvissuti del coro di Schächter, filmati di concerti, drammatizzazioni cinematografiche e animazioni evocative. Attraverso la visione dei cantanti del Verdi come atto di sfida e resistenza contro i nazisti, il film offre uno sguardo unico su come la Messa da Requiem permettesse loro di “cantare ai nazisti ciò che non potevano dire loro”, come dichiarato da Schächter al coro.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York ha un problema con i clacson

Nel cuore di Manhattan il traffico mattutino scorre come una sinfonia dissonante di clacson e bip bip. New York, in fondo, è conosciuta per il suo rumore incessante, ma negli ultimi anni l’inquinamento acustico generato delle automobili sembra aver raggiunto

Leggi Tutto »
Scroll to Top