Emergenza Metropolitana: Secondo Deragliamento in una settimana a New York

BROOKLYN, New York – La metropolitana di New York è stata teatro del suo secondo incidente in una settimana, a seguito del deragliamento di un treno diretto a Manhattan, avvenuto oggi pomeriggio (mercoledì, 10 gennaio) su un tratto elevato della linea F a Coney Island.

L’incidente è accaduto intorno alle 12:25 tra le stazioni vicino a Neptune Avenue e West 6th Street. Il Dipartimento dei Pompieri di New York ha riferito di aver utilizzato due treni di soccorso per evacuare 137 persone dal treno deragliato; fortunatamente non sono state segnalate ferite.

L’evento odierno segue la collisione e il deragliamento di due treni sulle linee 1, 2, 3 nella zona ovest di Manhattan, avvenuti il 4 gennaio, che hanno interrotto le operazioni vicino alla stazione della 96a strada per più di due giorni [vedi “Treni della metropolitana di New York si scontrano a bassa velocità…,” Trains News Wire, 4 gennaio 2024]. In quell’incidente, almeno 24 persone sono rimaste ferite e l’inchiesta è attualmente nelle mani del National Transportation Safety Board (NTSB). Il NTSB ha già indicato che l’indagine includerà un esame complessivo delle operazioni della metropolitana.

Richard Davey, presidente del New York City Transit, ha dichiarato che l’Autorità Metropolitana dei Trasporti sta conducendo approfondite indagini sulla “superstruttura” della ferrovia elevata per determinarne la causa, come riportato dal New York Daily News. “Il nostro focus sarà sui binari – sembra che ci possa essere stato un problema ai binari,” ha detto. Ha inoltre precisato che il treno coinvolto nell’incidente era dotato di registratori di dati, a differenza di quelli coinvolti nell’incidente della scorsa settimana.

Attualmente, il servizio della linea F è sospeso tra Avenue X e Coney Island a Brooklyn, secondo quanto riportato dall’account Subway del New York City Transit su X, con bus navetta gratuiti limitati in funzione tra Kings Highway e Coney Island-Stillwell Avenue.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Scroll to Top