Albany: ottimismo e produttività su edilizia abitativa e crisi dei migranti

I legislatori hanno fatto ritorno ad Albany mercoledì, proiettando un’atmosfera di ottimismo e produttività, focalizzandosi su temi cruciali come l’edilizia abitativa e la crisi migratoria. Tuttavia, l’inizio della sessione legislativa potrebbe essere oscurato dall’anticipato anno elettorale tumultuoso.

Il leader della maggioranza al Senato, Andrea Stewart-Cousins, e il presidente dell’Assemblea, Carl E. Heastie, entrambi appartenenti al partito democratico, hanno condiviso mercoledì le loro dichiarazioni preparate, evidenziando le vittorie economiche e sociali raggiunte nelle sessioni precedenti. Tra queste, l’entrata in vigore di un aumento del salario minimo questa settimana e la codificazione dei diritti riproduttivi. Entrambi i leader hanno riconosciuto che l’edilizia abitativa, un tema centrale nei dibattiti dell’anno scorso senza risultati legislativi significativi, tornerà al centro dell’attenzione nei prossimi sei mesi.

La sfida per i legislatori sarà bilanciare le esigenze di coloro che sostengono una maggiore protezione degli inquilini e alloggi a basso costo, soddisfacendo al contempo gli interessi degli sviluppatori che cercano di stimolare l’offerta immobiliare a prezzi di mercato. Nel corso dell’anno scorso, i progressisti hanno proposto senza successo una legislazione statale sullo “sfratto per giusta causa“, cercando di limitare la capacità dei proprietari di sfrattare gli inquilini e di frenare gli aumenti degli affitti.

Stewart-Cousins, nel suo discorso al Senato, ha sostenuto la “buona causa“, suscitando forte opposizione dai gruppi a difesa dei diritti dei proprietari e dal settore immobiliare. Nel frattempo, gli sviluppatori hanno spinto per un’estensione dell’agevolazione fiscale conosciuta come 421a, affermando che questa avrebbe stimolato l’offerta immobiliare e fornito unità abitative accessibili.

“Il costo degli alloggi è la sfida più significativa che i nostri elettori devono affrontare oggi. L’aumento del costo della vita a New York minaccia l’identità stessa del nostro Stato”, ha affermato Stewart-Cousins. “È giunto il momento di sviluppare un piano globale che protegga gli inquilini, rispettando i principi della buona causa, e favorisca la costruzione di nuove abitazioni accessibili”.

I leader hanno anche sottolineato la continua necessità di assistenza federale per affrontare l’afflusso di migranti dal confine meridionale della nazione. I costi crescenti per la cura degli alloggi e del cibo dei migranti hanno gravato pesantemente su New York, con una stima di oltre 4 miliardi di dollari di spese statali previste per il prossimo anno. Inoltre, è stato accennato a possibili misure di austerità durante il ciclo di bilancio.

Heastie ha riconosciuto il potere limitato del governo statale nel fornire soluzioni a lungo termine per l’afflusso di richiedenti asilo. Prima dell’inizio della sessione legislativa, il governatore Kathy Hochul ha partecipato a un ricevimento mattutino al Campidoglio, sottolineando politiche per migliorare la competenza nella lettura in una scuola elementare di Watervliet.

I sostenitori delle riforme nel sistema di giustizia penale sono stati presenti al Campidoglio per accogliere i legislatori, chiedendo miglioramenti nella libertà condizionale e nelle condizioni carcerarie. Tuttavia, né Heastie né Stewart-Cousins hanno indicato un’alta priorità per ulteriori iniziative legislative sulla sicurezza quest’anno.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Scroll to Top