In attesa del vertice tra Xi e Biden: cosa si diranno i leader?

Il tanto atteso faccia a faccia tra il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e il suo omologo cinese, Xi Jinping, è alle porte, programmato per mercoledì a margine del vertice APEC. Da San Francisco, gli esperti prevedono sviluppi significativi in diverse aree di interesse comune tra le due nazioni, con un’enfasi particolare sull’impegno condiviso per evitare un’escalation tra le principali potenze globali, nonostante le profonde divergenze su questioni cruciali, come l’indipendenza di Taiwan.

Dopo una breve distensione durante l’ultimo incontro Xi-Biden a Bali lo scorso novembre durante il G-20, i rapporti tra Pechino e Washington si sono deteriorati notevolmente negli ultimi mesi. L’abbattimento di un presunto pallone spia cinese nei cieli nordamericani è stato un punto critico, seguito da dichiarazioni poco amichevoli, con Xi che accusa gli Stati Uniti di cercare di controllare e sottomettere la Cina, mentre Biden definisce Xi un “dittatore”.

Durante l’estate, però, importanti funzionari dell’amministrazione dem hanno fatto visita a Pechino, compresi il Segretario di Stato Antony Blinken, la segretaria al Tesoro Janet Yellen e la segretaria al Commercio Gina Raimondo. Ad ottobre, una delegazione bipartisan del Congresso guidata dal senatore dem Chuck Schumer ha fatto tappa nella capitale cinese.

Nel prossimo incontro, Biden è determinato a compiere i passi necessari per ripristinare i canali di comunicazione militare con Pechino, come dichiarato da un alto funzionario dell’amministrazione. La Cina aveva interrotto i contatti militari nell’agosto dell’anno scorso in risposta al viaggio di Nancy Pelosi a Taiwan. Si prevede che vengano affrontati argomenti cruciali come il divieto dell’uso dell’intelligenza artificiale in contesti militari e la riduzione delle esportazioni cinesi di precursori del fentanyl in Messico. Inoltre, potrebbero emergere nuovi sviluppi sulla cooperazione tra Pechino e Washington nella lotta al cambiamento climatico.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Scroll to Top