La rivincita reputazionale degli italoamericani arriva al gala del NIAF con l’ultimo report IARL 

La rivincita reputazionale degli italoamericani arriva al gala del NIAF con l’ultimo report IARL 

“Gli italoamericani hanno fatto molto per gli Stati Uniti”, sono le parole del presidente Joe Biden, intervenuto a sorpresa a Woodley Park, Washington Dc, in occasione del 48° anniversario del NIAF (National Italian-American Foundation), la più grande associazione italo americana negli USA. A introdurre il suo grande riconoscimento verso l’Italia negli USA, la First Lady Jill Biden che, fiera delle sue radici siciliane, confessa con orgoglio di aver trasferito “tutti i valori del paese d’origine dei nonni alla Casa Bianca.” 

La rivincita reputazionale degli italoamericani arriva al gala del NIAF con l’ultimo report IARL 
Il presidente Joe Biden e la First Lady Jill Biden al gala del NIAF

Ricordando la sua esperienza a Claymont, tra gli italoamericani del Delaware, il presidente ha evidenziato tutto il peso della storia della comunità italiana sul territorio americano, il cui contributo continua a brillare ancora oggi in ogni settore dell’economia mondiale. Ad anni di distanza dall’ultimo transatlantico, la cultura italoamericana firma anni di lotta, resistenza e integrazione; una lunga battaglia di identificazione culturale oltreoceano nel quadro di successi e fallimenti tra offese e discriminazioni di ogni genere, fino a eventi di abuso e sopraffazione, come l’indelebile linciaggio di undici immigrati italiani, in particolare siciliani, a New Orleans. Ciononostante, la comunità italoamericana ha continuato la sua battaglia divenendo oggi parte integrante e insostituibile della società americana, siglando la riconquista reputazionale dell’intera collettività contro l’onda di stereotipi e pregiudizi.

“Against Stereotypes – The Real Reputation of Italian Americans”, è il titolo esemplificativo del secondo rapporto annuale dello IARL (Italian American reputation Lab), documento che ha attestato l’avvenuta rivincita reputazionale della comunità italo-americana negli Stati Uniti sin dagli inizi dei flussi migratori italiani. Introdotto al gala del NIAF dalla console italiana a Detroit Paola Allegra Baistrocchi, il report IARL è stato proposto come esempio virtuoso di monitoraggio delle attività istituzionali: il risultato attestato è sorprendente e ha trovato pieno apprezzamento dall’ambasciatrice italiana negli Stati Uniti Mariangela Zappia

La rivincita reputazionale degli italoamericani arriva al gala del NIAF con l’ultimo report IARL 
Umberto Mucci di We The Italians, Davide Ippolito di Zwan e l’ambasciatrice italiana negli Stati Uniti Mariangela Zappia

Il report parla di un vero cambio di paradigma percettivo nei confronti dell’Italia e degli italiani negli USA grazie al grande lavoro delle istituzioni e delle organizzazioni impegnate sul territorio. Dall’incrocio di colori e strisce delle due bandiere nella copertina ai dati concreti e ufficiali riportati al suo interno, il rapporto di Umberto Mucci di We The Italians e Davide Ippolito di Zwan, coadiuvati da Simone Solidoro, Marco Costante e Nicola Vidali, ha rafforzato il dibattito aperto dalle istituzioni sulla Diaspora Italiana, testimoniando l’impatto percettivo positivo conseguente all’immensa eredità culturale e sociale della società italiana al tessuto degli Stati Uniti. 

Accanto alle presentazioni tenute dalla Università LUISS e dal Centro Studi Ambrosetti, il report IARL ha dato validità empirica alle dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, certificando l’evoluzione della reputazione dell’Italia e degli Italiani nella Land of Opportunities: “Michelangelo raccontava che lui aveva semplicemente visto l’angelo nel marmo, togliendo la materia intorno che lo imprigionava. Ecco, questo concetto non è diverso da quello che gli italiani hanno fatto per il nostro Paese, riconoscendo le opportunità esistenti e liberandole”, ha ricordato il presidente Joe Biden.

La macchia percettiva che per anni ha legato l’Italia alla mafia e al crimine non ha effettivo riscontro reale e grazie allo IARL è possibile quantificarlo con precisione. Stando all’analisi riportata nel secondo report, l’Italia brilla in più settori dell’economia americana globale, dall’innovazione all’aerospazio, qualità che ha comportato una crescita reputazionale pari al 3,4% nel 2023. Ad anni di sfide segue dunque oggi il trionfo di tutti quei valori che hanno portato oltreoceano: Lealtà. Generosità. Gentilezza. Fede.”, i valori sottolineati dalla First Lady Jill Biden sono la sigla dell’italianità, il cui contributo trova oggi finalmente evidenza in più paesi a livello internazionale: al primo posto negli USA troviamo gli stati del Northeast, seguiti dal Midwest, Southeast, West e Southwest, con la diffusione di nuove associazioni percettive dell’Italia oltre il classico settore enogastronomico, estendendo le correlazioni dal settore dell’automotive all’alta tecnologia. 

La rivincita reputazionale degli italoamericani arriva al gala del NIAF con l’ultimo report IARL 
La console d’Italia a Detroit Allegra Baistrocchi al gala del NIAF

Stando alle ultime analisi del motore di ricerca, la comunità italoamericana è collegata a intent informazionali con riferimento alle più grandi personalità italoamericane per la storia e per la cultura degli Stati Uniti, ai primi posti Joe Bastianich, Sylvester Stallone e Robert de Niro. Negli ultimi 30 anni, l’immagine promossa dai media emerge, pertanto, anche nella comunicazione pubblica, dove il cambio qualitativo trova conferma nei principali topic estrapolati da corpora via web, social e media, nicchie virtuali dove sconfina la percezione e si modella in tempo reale. 


Quali sono le prospettive reputazionali della comunità italoamericana? Nonostante il percorso di integrazione oltreconfine sia nel pieno del suo corso, la firma dello IARL al NIAF testimonia l’avvio di una grande evoluzione percettiva, destinata a cambiare per sempre l’immagine pubblica degli italiani d’America.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Il processo a Trump agita New York (il video)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua squadra si sono letteralmente trasferiti a New York. La città è blindata e davanti al tribunale sono presenti i giornalisti di tutto il mondo, decisamente più numerosi rispetto ai sostenitori

Leggi Tutto »
Scroll to Top