L’IA prevede come sarà l’Aeroporto JFK nel 2050

Icelandair ci offre uno sguardo nel futuro, utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale per prevedere come saranno i più grandi aeroporti degli Stati Uniti nel 2050, e i risultati sono piuttosto affascinanti. La compagnia aerea di bandiera dell’Islanda, Icelandair, ha utilizzato l’IA per prevedere come potrebbero apparire alcuni dei più grandi aeroporti del paese nel 2050, e se le loro previsioni saranno accurate, potremmo dire che non ci dispiacerebbe volare dal JFK in futuro. L’aeroporto JFK abbia visto alcune migliorie, come il sistema AirTrain che finalmente accetta pagamenti OMNY e i continui lavori nel suo terminal internazionale di 2,4 milioni di piedi quadrat.

Questa visione futuristica dell’aeroporto realizzata con l’aiuto dell’IA è piuttosto interessante (specialmente se confrontata con l’aspetto attuale. La proiezione architettonica futura del JFK include due terminal a cupola di vetro al centro, collegati alla terraferma da una complessa rete di strade. Nella foto sembra persino che l’acqua circondi l’aeroporto e gli aerei decollino dall’acqua anziché da una pista di decollo tradizionale. La tecnologia sembra anche mettere l’accento sugli elementi naturali, con molta vegetazione intorno all’aeroporto.

Il loro comunicato stampa afferma che il sistema utilizzato da Icelandair per creare le immagini ha considerato i modelli attuali di sviluppo tecnologico e la loro traiettoria prevista. E l’estetica del vetro e della vegetazione sembra essere un tema ricorrente negli altri aeroporti presentati: la tecnologia ha anche rappresentato proiezioni futuristiche per l’Aeroporto Internazionale di Denver in Colorado, l’Aeroporto Internazionale di Orlando in Florida, l’Aeroporto Internazionale di O’Hare in Illinois e l’Aeroporto Metropolitano di Detroit nel Michigan.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Il processo a Trump agita New York (il video)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua squadra si sono letteralmente trasferiti a New York. La città è blindata e davanti al tribunale sono presenti i giornalisti di tutto il mondo, decisamente più numerosi rispetto ai sostenitori

Leggi Tutto »
Scroll to Top