Il Sindaco Adams propone la sospensione dell’obbligo di accogliere i senzatetto

Il sindaco di New York, Eric Adams, ha sollevato una polemica chiedendo l’interruzione dell’obbligo di fornire alloggio ai senzatetto, mettendo così a dura prova il sistema di rifugi cittadino, già sovraccarico a causa dell’alto numero di migranti. Adams ha presentato un’istanza legale per sospendere temporaneamente la storica legge sulla fornitura di alloggio nella Grande Mela, affermando che il diritto all’accoglienza è diventato antiquato e inadatto alle attuali esigenze.

La richiesta è stata formalizzata dagli avvocati di City Hall presso la Corte Suprema dello Stato, definendo il decreto di consenso Callahan del 1981, che impone alla città di fornire rifugio a chiunque ne faccia richiesta, come “antiquato e macchinoso”. Se approvata, questa modifica riguarderebbe non solo i migranti, ma anche tutte le persone senza dimora nella città, innescando probabilmente una lunga battaglia legale con gli attivisti per i senzatetto.

Questa mossa arriva in un momento in cui Adams è in viaggio in America Latina per dissuadere i migranti dal raggiungere New York. L’amministrazione Adams sta facendo pressione sul diritto all’accoglienza a causa dell’afflusso record di richiedenti asilo dal confine meridionale. Finora, oltre 122.700 richiedenti asilo sono transitati dalla città dalla primavera del 2022, con una spesa prevista di oltre 12 miliardi di dollari in tre anni per sostenerli.

Attualmente, i migranti adulti sono obbligati a lasciare il rifugio dopo 30 giorni anziché 60, secondo un recente regolamento, e possono fare domanda nuovamente solo se non hanno altra opzione. Questi sviluppi hanno scatenato una reazione critica da parte degli attivisti per i senzatetto, con la Legal Aid Society che ha definito la mossa di Adams “vergognosa”. La situazione rimane tesa mentre la città affronta le sfide legate all’immigrazione e al senza dimora.

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

New York ha un problema con i clacson

Nel cuore di Manhattan il traffico mattutino scorre come una sinfonia dissonante di clacson e bip bip. New York, in fondo, è conosciuta per il suo rumore incessante, ma negli ultimi anni l’inquinamento acustico generato delle automobili sembra aver raggiunto

Leggi Tutto »
Scroll to Top