Editoria, Barachini “Verso riforma agenzie, Cassese presiede Comitato”

ROMA (ITALPRESS) – “Come annunciato stiamo procedendo alla riforma dei criteri per l’acquisizione dei servizi di informazione primaria”. Lo afferma in una nota il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Alberto Barachini, che ha firmato il decreto con il quale si costituisce, presso il Dipartimento per l’informazione e l’editoria, il Comitato che si riunirà nei prossimi giorni con il compito di formulare un’apposita “proposta contenente gli elementi necessari ad individuare le agenzie di stampa di rilevanza nazionale”. Proposta che “comprenderà, tra l’altro, i criteri e i parametri per la definizione del fabbisogno e del corrispettivo dei servizi acquisiti con l’utilizzo della procedura negoziata” prevista dal codice dei contratti pubblici (art. 63, comma 2 del dlgs 18 aprile 2016, n. 50).
Come indicato dal comma 5 dell’articolo 17 del cosiddetto decreto Milleproroghe, le Amministrazioni dello Stato e più in generale le amministrazioni pubbliche sono autorizzate ad acquistare, inoltre, servizi di carattere specialistico, settoriale e anche video-fotografico, attraverso un bando o le altre procedure previste dal codice dei contratti pubblici.
Il Comitato è composto dal professor Sabino Cassese, giudice emerito della Corte costituzionale, con funzioni di Presidente; da Niccolò Abriani, professore ordinario di diritto commerciale; da Mario Calabresi, direttore di Chora Media; da Giulia Ferrari, magistrato del Consiglio di Stato e da Lorenzo Saltari, professore ordinario di diritto pubblico. Ai componenti non spettano compensi, gettoni di presenza, rimborsi spese o altri emolumenti comunque denominati.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).

Condividi questo articolo sui Social

Facebook
WhatsApp
LinkedIn
Twitter

Post Correlati

Il processo a Trump agita New York (il video)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la sua squadra si sono letteralmente trasferiti a New York. La città è blindata e davanti al tribunale sono presenti i giornalisti di tutto il mondo, decisamente più numerosi rispetto ai sostenitori

Leggi Tutto »
Scroll to Top